Con i dieci anni di Fiera InMensa desideriamo, soprattutto, soffermarci per riflettere e raccontare quello che per noi e per la città di Cosenza, ha rappresentato questa esperienza collettiva.

Fiera InMensa non è una temporanea mensa dei poveri che si attiva nelle sere della Fiera di San Giuseppe. Si tratta, invece, di un’esperienza che coinvolge centinaia di persone di ogni età, estrazione, cultura ed etnia. Un momento totalizzante che ogni anno si rinnova e che ci porta inevitabilmente al confronto con l’altro e, di conseguenza, ci consente di conoscere meglio anche noi stessi, i nostri limiti e paure ma anche le nostre forze e le nostre capacità.

Questa presa di coscienza è accaduta mentre, nel corso degli anni, abbiamo assistito a cambiamenti sostanziali del nostro spazio e del nostro tempo.

Già nel 2002 iniziava ad emergere un cambiamento di rotta nel Paese: aumentavano le presenze di migranti nelle città. A Cosenza la Fiera di San Giuseppe si colorava di multiculturalità: la città diventava sempre più migrante.

Se dieci anni fa, quando nasce l’idea di Fiera InMensa, la città, i cittadini, la nazione erano più aperti e tolleranti, se all’epoca sembrava più facile stringere la mano ad uno straniero, offrire beni materiali, un sorriso, in una parola accogliere, oggi la crisi economica, l’incertezza, la precarietà, la paura, fomentate da precise scelte politiche hanno determinato un cambiamento radicale nelle coscienze.

La città che conoscevamo prima, ora non esiste più: discriminazioni crescenti, indifferenza, politiche repressive, tolleranza zero – che colgono soprattutto chi è più debole e magari non ha un’autentica casa dove alloggiare – inesorabile privatizzazione degli spazi pubblici, non ci fanno più scorgere quella città dove forme di comunanza si potevano toccare con mano. Forse proprio per questo, proprio perché la cultura della solidarietà era sempre più minacciata, (in realtà non era mai stata notevolmente diffusa o incentivata), è nata Fiera InMensa, e il nostro intento, la nostra volontà nell’andare avanti in questa esperienza si sono rafforzati nel tempo.

Esempio ne è il fatto che Fiera InMensa, nel 2007, si trasferisce presso i capannoni delle Ex Officine delle Ferrovie della Calabria a Via Popilia, valorizzando un’area dismessa e dimenticata, contribuendo così alla realizzazione di un Parco Sociale voluto e sostenuto da numerose realtà ed associazioni.

Fiera InMensa indica così alle Amministrazioni Locali una progettualità vicina alle persone e non funzionale alle speculazioni edilizie.

Siamo ormai consapevoli che numerose fasce di abitanti di questa terra, sia che abbiano un colore di pelle più o meno scuro, sia che abbiano o meno i documenti, sono prive anche delle più elementari garanzie che assicurano una vita dignitosa.

Sempre di più le istituzioni pubbliche si deresponsabilizzano continuando a smantellare il diritto alla cittadinanza, all’istruzione, al lavoro sicuro e dignitoso, all’ambiente salubre e integro, alla giustizia, ad un’economia più solidale. Queste defezioni sono sempre più colmate da una cittadinanza attiva, volenterosa e protagonista che non si lascia abbindolare dagli spauracchi e dalle emergenze che hanno caratterizzato in particolare questi ultimi anni del Governo. Primi fra questi l’invasione dei migranti.

In questi dieci anni di attività abbiamo assistito ad un aumento della repressione e dell’indifferenza ma al contempo – anche nella nostra città – è aumentata la solidarietà, grazie all’impegno dei semplici cittadini.

Fiera InMensa ci ha cambiato: ha aperto una nuova visione sul mondo, fatta di scambi reciproci e conoscenza.

Quest’anno poi, ancor di più gli scenari internazionali descrivono un mondo che è sempre più interdipendente, in correlazione stretta dal punto di vista geografico, politico, sociale. Le frontiere della geopolitica sono labili come le frontiere delle relazioni umane.

Fiera InMensa, in questi dieci anni, ci ha insegnato che non esistono frontiere che dividono le persone, le culture, gli animi. Ci ha dimostrato che la dignità non ha confini e la storia di questi ultimi giorni lo dimostra. Da Rosarno…all’Egitto, dalla Palestina alla Libia, dagli studenti dell’Europa a quelli dell’Iran, dalle donne di ogni colore ed etnia, la visione è unanime: DIGNITA’.

Fiera InMensa ci ha convinti che dobbiamo avere l’umiltà di apprendere il messaggio che i migranti recano con sé. A Rosarno hanno fornito un esempio di ribellione alla schiavitù del lavoro nero e alla mano mafiosa, al Nord hanno lottato per i diritti sul lavoro, sul reddito e sulla cittadinanza, rivendicando il diritto all’esistenza salendo su una gru. Ci hanno insegnato che le scuole – dove i docenti del Sud sono trattati come clandestini se provano a varcare i confini provinciali – non si aprono se non ci sono i figli dei migranti. Ci hanno dato prova che l’Italia può ancora essere un Paese unito, se risponde al miraggio che ha spinto migliaia di persone a varcare clandestinamente i nostri confini.

Fiera InMensa ci ha insegnato che nonostante le diversità tra tutti i partecipanti alla fine ci si perde, e che è bello perdersi per uno scopo comune, sperimentare luoghi e forme di accoglienza che rendono tutti un po’ più felici.

L’inasprimento sulle politiche migratorie attuate dai governi in questi anni ci convincono ancora di più che la strada intrapresa con Fiera InMensa, dieci anni or sono, rappresenta una prospettiva concreta di futuro non solo per la nostra città.

Se ancora oggi possiamo dire che la città non è totalmente nelle mani dell’ingiustizia, del dolore, della paura, lo dobbiamo anche ad eventi come Fiera InMensa che ci auguriamo possano replicarsi innescando così un circolo virtuoso che funga da reale cambiamento del tessuto sociale.

Proseguiamo a camminare lungo questo sentiero, dunque.

Sono passati ormai dieci anni, nuovi amici si avvicinano ogni anno a questa esperienza, siamo forse più vecchi ma nel cuore conserviamo la voglia e la vivacità che ci fanno credere fortemente in quel mondo possibile che, da anni, immaginiamo e proviamo a costruire nel nostro piccolo.

Fiera InMensa è una celebrazione della vita, della convivialità, delle culture, dei diritti e dei colori…

è una festa… ormai tradizione autentica della città!

Festeggiamo insieme i 10 anni di Fiera InMensa!

 

Cosenza, Marzo 2011

Comitato Fiera InMensa